CinePop ai tempi del Coronavirus (Vol. 5) RBUI, il nostro diritto di vivere

L’inizio della crisi ha (ri)acceso il dibattito sul reddito di quarantena come misura emergenziale per chi è rimast* senza reddito nelle ultime settimane e sul reddito di base universale e incondizionato (RBUI) per la sussistenza di tutt*. Come sarebbero le nostre vite e come si sarebbe evoluta la pandemia se avessimo avuto il RBUI? Parliamone domenica sera su Telegram @cinepopdibattiti dalle 22:30 ora italiana, dopo aver visto assieme il documentario ‘RBUI, il nostro diritto di vivere’ (Álvaro Orús, 2019).
Italiano https://www.youtube.com/watch?v=0oeGeLxwdgg&feature=youtu.be
Basic Income Network Italia https://www.bin-italia.org/
Reddito di quarantena https://www.facebook.com/REDDITODIQUARANTENA/

The beginning of the crisis has (re)ignited the debate on quarantine income as an emergency measure for those who have been left without income in the last weeks and on universal basic income (UBI) for everyone’s subsistence. What would our lives be like and how would have the pandemic evolved if we’d had UBI? Let’s talk about it on Sunday night on Telegram @cinepopdibattiti from 10:30pm CEST after watching the documentary ‘UBI, Our Right to Live’ (Álvaro Orús, 2019).
Film in English https://www.youtube.com/watch?v=WFUgsvsxtfk
Information about the documentary in English https://basicincome.org/news/2019/10/the-documentary-ubi-our-right-to-live-is-now-available-on-youtube/
Película en español https://www.youtube.com/watch?v=rYpRK2gqL4I
Informaciones sobre el documental en español https://humanistasrentabasica.org/rbui-nuestro-derecho-a-vivir-liberado/

‘RBUI, il nostro diritto di vivere’ spiega in 41 minuti cosa si intende per reddito di base, quali sono le differenze con il reddito minimo, come si è diffusa l’idea, alcune sperimentazioni, le maggiori resistenze a concretizzarlo e le potenziali della proposta, ecc.

E’ un documento essenziale per scoprire quello che sempre più persone rivendicano come diritto universale, quello che dovrebbe essere il primo diritto universale perché è il diritto all’esistenza. Qualcosa che oggi è possibile grazie alla ricchezza accumulata e che cresce ogni giorno grazie ai progressi tecnologici, che producono sempre meno posti di lavoro. Nel documentario “RBUI, il nostro diritto a vivere” si sostiene che questa ricchezza – conseguenza del lavoro di migliaia di generazioni nel corso della storia più il contributo di tutta la popolazione mondiale attuale – dovrebbe cominciare ad essere distribuita attraverso un reddito di base universale (per l’intera popolazione), incondizionato (indipendentemente dalle risorse di ciascuno), individuale (per il fatto di essere nati) e sufficiente (per permettere ad una persona di avere una sussistenza assicurata).

Come finanziare quel reddito di base, che in questo momento verrebbe pagato attraverso i governi, è oggetto di dibattito, anche se buona parte delle proposte mirano ad aumentare le tasse a coloro che hanno di più, e questa sarebbe una misura di giustizia sociale se si cominciassero a redistribuire i profitti che pochi ricevono grazie al contributo di tutti. Promosso da Pressenza e da Umanisti per il Reddito di Base, il film è stato presentato in anteprima al Forum Europeo di Madrid nel maggio 2018.

CONDIVIDERE: