Mancava un’ora prima di andare a casa – Presidio 21/09/22

Mancava un’ora prima che se ne andasse a casa, era il quarto giorno di lavoro.

Se lavoro si può chiamare.

E’ forse lavoro prestare manodopera gratuita per conto della scuola pubblica?

Non è alternanza scuola-lavoro, è schiavitù.

La stessa che i giovani, coetanei di Giuliano, vivono nel mondo del turismo, nella ristorazione, nei servizi ma anche nei campi del lavoro agricolo e in tanti altri settori.

Giuliano De Seta venerdì 16 settembre alle 17, poco prima di tornare a casa, è stato ucciso travolto da una lastra d’acciaio di 2 tonnellate. Ucciso da un sistema che macina morti tutto l’anno. Anche durante l’alternanza scuola-lavoro.

Lorenzo Parelli, appena maggiorenne è stato ucciso schiacciato da una putrella il 21 gennaio, in provincia di Udine.

Giuseppe Lenoci, 16 anni, è stato ucciso a Fermo il 14 febbraio mentre lavorava in una azienda termoidraulica.

A maggio, uno studente di 17 anni era rimasto gravemente ustionato in una carrozzeria di Merano, per fortuna salvandosi.

A giugno uno studente di 16 anni è caduto da cinque metri di altezza mentre stava installando uno striscione a Rovato, in provincia di Brescia, ferendosi gravemente.

Erano tutti studenti, sono tutti morti sul lavoro.

Non si dovrebbe chiamare alternanza scuola lavoro, si chiama manodopera gratuita non qualificata.

Le aziende licenziano i lavoratori e le lavoratrici grazie alla manodopera che drenano dalle scuole, soprattutto istituti professionali e tecnici, manodopera fornita dalla legge 107 che ha reso obbligatoria l’alternanza scuola-lavoro (poi denominata PCTO).

Quello dei morti sul lavoro è un bollettino di guerra che supera i 1300 morti l’anno.

Deve essere abolita l’alternanza scuola-lavoro. E deve cessare questa guerra che solo nel 2022 ha già ucciso 600 persone.

Ci vediamo in presidio mercoledì alle ore 18:00 in piazza de Ferrari, Genova.

SLANG USB, USB scuola, OSA, Collettivo Insegno

Condividi su:
Redazione
Redazione
Articoli: 241