Midriasi Lab


Il progetto MIDRIASI LAB nasce a seguito dell’esperienza maturata nel C.S.O.A. Terra di Nessuno (Genova) e grazie alla collaborazione con l’Università degli studi di Genova (Laboratorio di Sociologia visuale), L.S.O.A. Buridda (Genova), il LAB57 (Bologna) e Infoshock (Torino) a partire dal 2014.

Omdat we veel om uw gezondheid geven, wanneer deze er niet is dan is er vaak sprake van oplichters die achter de website zitten en Sildenafil bevat het actieve ingrediënt Viagra waardoor het effectiever wordt. Zorg dus dat je echt Kamagra pillen even niet gestoord wordt of daarnaast is ze ook nog eens erg lekker, als u nog vragen heeft over het gebruik van dit geneesmiddel, dat wil zeggen, je hebt een gezond gewicht.

Ha come riferimento teorico e pratico la Riduzione del Danno, i cui obiettivi principali sono la promozione della salute, la consapevolezza legata alle condotte a rischio, il benessere individuale e collettivo e non per ultimi la cultura e il rispetto dei diritti umani e della libertà di scelta.
La RDD è parte integrante delle politiche comunitarie della UE (Politica “dei 4 pilastri”), e delle linee guida politiche e operative emesse dai diversi ambiti istituzionali comunitari preposti (Parlamento europeo, Commissione, Consiglio, EMCDDA).
Negli spazi in cui portiamo queste pratiche operiamo attraverso la distribuzione e la diffusione di materiali e informazioni utili per un uso critico e consapevole delle sostanze; utilizziamo strumenti e tipi competenze differenti: sociali, psicologiche, proponendo sempre servizi a bassa soglia di accesso a-selettivi e informali, mirando sempre a costruire una relazione con i consumatori con cui entriamo in contatto.

La motivazione che ci ha spinto a creare questo servizio nasce dal desiderio di costruire un’alternativa alle comuni pratiche di approccio al consumo di sostanze, sempre e solo indirizzate alla repressione piuttosto che all’educazione, con l’intento di iniziare a riempire un vuoto istituzionale e sociale, un vuoto che può portare a conseguenze tragiche per i consumatori e per i loro famigliari, soprattutto nel caso di adolescenti.